Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti

I contributi a fondo perduto del D.L. n. 73/2021 (c.d. Decreto "Sostegni-bis")

Pubblicato in:

Il decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73 (c.d. Decreto "Sostegni-bis"), convertito dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, ha introdotto nuove misure di aiuto alle attività economiche danneggiate dall'emer­genza da Coronavirus, a fronte del protrarsi delle restrizioni connesse al perdurare dell'emergenza epide­miologica in corso. 

Tra le altre misure contenute nel Decreto, sono stati previsti nuovi contributi a fondo perduto a favore dei soggetti titolari di partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che svolgono attività d'impresa, arte o professione o producono reddito agrario e che hanno subito un danno economico a seguito del protrarsi delle restrizioni adottate dal Governo per fronteggiare la pandemia da Covid-19. 

I nuovi contributi a fondo perduto in parte si rifanno alla disciplina delle analoghe misure già adottate con il decreto-legge n. 41 del 2021 (c.d. Decreto "Sostegni") e il decreto-legge n. 34 del 2020 (c.d. Decreto "Rilancio") e, in parte, introducono nuovi e alternativi criteri di calcolo che potranno essere opzionati qualora risultino più vantaggiosi per il contribuente. 

Di seguito, una prima analisi delle misure in esame che ne evidenzia caratteristiche e peculiarità, alla luce anche dei primi chiarimenti forniti dalla prassi amministrativa in materia.


© Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti
Piazza della Repubblica, 68 00185 Roma C.F. 97153430588 - P.I. 05817061004 Contatti Informativa Privacy e Cookie