Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti

Surrogazione per volontà del debitore nei contratti di finanziamento (la c.d. portabilità del mutuo): profili di attualità e disciplina impositiva

Pubblicato in:

di Irene Giusti.

I due principali fattori causali dell’incremento dei finanziamenti sia in termini di nuove erogazioni sia, soprattutto, in termini di surrogazioni sono rappresentati dall’attuale andamento dei tassi interbancari di riferimento Eurirs e Euribor e del tasso di riferimento della Banca Centrale Europea (tasso BCE), il quale ha seguito un costante percorso verso il basso, e dalla graduale riduzione dello spread applicato dagli istituti di credito in un’ottica concorrenziale.

Con riferimento all’andamento dei tassi, infatti, al momento in cui siscrive, l’Eurirs, il quale è utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso fisso, a 10 anni è pari allo 0,710% (riportando una riduzione  rispetto anche solo al tasso medio del mese di dicembre del 2014 pari allo 0,90%); l’Euribor, utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso variabile, a 3 mesi è pari allo 0,053 (riportando, anche qui, una riduzione rispetto al tasso medio del mese di dicembre 2014 pari allo 0,08%); il tasso BCE è, infine, stabile allo 0,05% dall’ultimo trimestre del 2014.

(leggete l'articolo completo nel file allegato qui sotto)


© Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti
Piazza della Repubblica, 68 00185 Roma C.F. 97153430588 - P.I. 05817061004 Contatti Informativa Privacy Cookie Policy