Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti

Le criticità nella gestione dei beni sottratti alle mafie: la confisca e la destinazione dei beni immobili aziendali in via autonoma e non autonoma

Pubblicato in:

di Luca D'Amore.

Nell’ambito della gestione dei beni sottratti alle consorterie criminali, è di vivo interesse la questione relativa alla gestione e destinazione dei beni sequestrati e confiscati di pertinenza di “assets” aziendali, in particolare quando sugli stessi venga disposta una misura patrimoniale in via autonoma o non autonoma. 

Per misura patrimoniale disposta in via autonoma ci si riferisce ai casi in cui il provvedimento di sequestro (e di successiva confisca), abbia ad oggetto beni immobili di pertinenza di un’azienda di cui parimenti viene disposta l’analoga misura patrimoniale in forma totalitaria e rispetto ai quali l’autorità giudiziaria, nell’adottare il provvedimento ablativo, ne individua puntualmente i dati identificativi di ubicazione e catastali.


© Fondazione Nazionale di Ricerca dei Commercialisti
Piazza della Repubblica, 68 00185 Roma C.F. 97153430588 - P.I. 05817061004 Contatti Informativa Privacy e Cookie